Vai al contenuto

Giapponesi e Balene: a che punto siamo?

8 gennaio 2010

La notizia della decapitazione dell’Ady Gil in seguito allo scontro con una baleniera giapponese ha fatto scalpore tra gli appassionati di barche nere dal design mozzafiato.

Ma non possiamo concentraci solo sull’aspetto tecnologico e domandarci come, in uno scenario mondiale di allarmante carenza di super-barche che sembrano astronavi stealth col timone, i balenieri abbiano il cuore di sperorarne una.

Questa vicenda ci obbliga a una riflessione più profonda.

Che i giapponesi uccidano più di 1000 balene all’anno è una notizia vecchia. E anche la ragione per cui lo fanno è ormai assodata: per scopi scientifici (altrimenti sarebbero bracconieri). Quello che non è ancora chiaro è: con tutti gli esperimenti che si possono fare avendo più di 10.000 tonnellate di carne di balena all’anno, com’è possibile che in giappone non abbiano almeno:

  • decifrato il canto delle balene;
  • modificato geneticamente una teen-idol perché possa emettere il canto delle balene, seppur indecifrato;
  • banalmente? Clonato una balena;
  • clonato Geppetto;
  • trovato un discendente di Moby Dick;
  • impiantato uno sfiatatoio su un lottatore di Sumo;
  • o almeno, accidenti, capito che cavolo sono i fanoni!
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: